30.11.2016. Le strade d’Europa 2016

Le strade d’Europa 2016
Il programma del Festival, ricco e denso di concerti come mai, presenterà giovani interpreti da sei paesi Europei – Lituania, Lettonia, Estonia, Repubblica Ceca, Slovenia e Italia.
 
La più importante società di concerti aquilana, la "Barattelli" fondata nel 1946 ha arrichito il suo cartellone con il concerto congiunto di artisti dei tre Paesi Baltici “Aurora Borealis”. Trio Fantastico Estonia e Duo Talerko-Macijauskaite Lettonia/Lituania, il 1°dicembre presso l‘Auditorium del Parco; in programma, F. Poulenc, G. Enescu, J. Sibelius e J. Rääts.
 
"Il Festival - si legge in una nota - rimane sempre giovane e rigoglioso, presentando giovani artisti, fino a ventotto anni, che trionfano nei concorsi internazionali e hanno già conquistato il riconoscimento del pubblico nel proprio paese e all’estero. Con le collaborazioni importanti come Dipartimento Attività Culturali e Turismo di Comune di Roma, Zètema-Progetto Cultura, Teatro di Villa Torlonia, le aquilane "Barattelli" e "Giovani amici della musica". 
 
Il Festival "decollerà" il 23 Novembre e si propagherà nelle sale di Vilnius, Roma, L’Aquila, Nepi e Gallese. 
 
Nel concerto d’inaugurazione, presso il Museo D’Arte di Vilnius-Palazzo di Chodkevičius - sarà protagonista uno strumento tradizionale italiano, ma poco conosciuto in Lituania:  il mandolino.
 
Nel concerto si esibirano due giovani artisti italiani, che già hanno conquistato il riconoscimento del pubblico italiano. Il mandolinista Francesco Mammola è vincitore di prestigiosi riconoscimenti  come il “Premio d’Arte Claudio Abbado” 2015 e il “Premio Internazionale Tito Schipa” 2016, per meriti artistici è stato insignito della medaglia di bronzo del Senato della Repubblica Italiana. 
 
Insieme alla sua partner, la pianista Giulia Mangone, Francesco Mammola regalerà al pubblico di Vilnius i brani più interessanti e prezziosi che i compositori italiani dal barocco al XX secolo hanno dedicato al mandolino.
 
Nel secondo concerto del Festival -“Riflessi”-, il 26 Novembre presso il Museo d’Arte Vytautas Kasiulis, si incontreranno due musicisti della nuova generazione, che con grande sucesso trionfano nei concorsi internazionali pianistici – Nejc Kamplet (Slovenia) e Pavel Michael Zemen (Repubblica Ceca). 
 
Protagonista del concerto sarà la musica di F. Chopin, F.Liszt e S. Rachamninoff.
 
Nel frattempo i concerti in Italia assumeranno le sfumature nordiche con gli artisti dei paesi Baltici, il Trio Fantastico dall’Estonia (Mari-Liis Urb violino, Kristian Plink violoncello, Joonatan Jürgenson pianoforte) e il duo di musica vocale da camera Duo Talerko-Macijauskaite dalla Lettonia e Lituania (Vera Talerko soprano e Gintare Elena Macijauskaite pianoforte).
 
Nel Teatro della storica Villa Torlonia di Roma il 30 Novembre, regnerà il concerto solenne e congiunto di artisti di tre Paesi Baltici con il programma  “Aurora Borealis”: per l'occasione, si esibirà il Trio Fantastico dell’Estonia e il già ben conosciuto al publico del Festival Duo Talerko-Macijauskaite Lettonia/Lituania, la musica vocale da camera francese mélodie di Francis Poulenc e George Enescu, sarà intrecciata con la musica nordica di Jean Sibelius e Jaan Rääts, Juozas Indra e Jānis Mediņš. 
 
Il concerto è organizzato in collaborazione con tre Ambasciate dei Paesi Baltici – Ambasciata di Repubblica Lituana in Italia, Ambasciata della Repubblica di Lettonia in Italia ed Ambasciata di Repubblica Estone in Italia, Dipartimento Attività Culturali e Turismo di Comune di Roma, Zètema-Progetto Cultura e Teatro di Villa Torlonia.  
 
Il concerto del 2 Dicembre presso la Sala Nobile del Palazzo Comunale di Nepi è dedicato esclusivamente all'Estonia, alla sua musica e i suoi artisti. 
 
L'Ensemble di musica da camera Trio Fantastico si è costituito nel 2015, all'Accademia Estone della Musica e del Teatro. Da allora si esibisce con grande successo sia in Estonia sia all'estero. 
 
In programma le musiche di Heino Eller, Jaan Rääts, Frédéric Chopin e Jean Sibelius.    
 
L'ultima tappa del Festival non è scelta per caso. 
 
Gallese, borgo pittoresco della Tuscia, unito a Nepi dalla via Amerina, famosa per il suo compositore e musicista del primo barocco Marco Scacchi, che lavorava nel Gran Ducato di Lituania e Polonia, è gemellata con la città Lituana di Kelme. 
 
I due concerti finali avranno dunque luogo nel locale Museo di Marco Scacchi. 
 
Il 3 Dicembre spazio al Duo Talerko-Macijauskaite, già conosciuto e apprezzato dal pubblico di Gallese.
 
 In programma, melodie francesi e musiche di Francis Poulenc e George Enescu.
 
Poi, l'11 dicembre, sempre a Gallese, per il concerto finale dopo il tuor Europeo, ritorna il mandolinista Francesco Mammola con la pianista Giulia Mangone.
 
Il Duo Mammola-Mangone presenterà il programma rigorosamente "Made in Italy".
 
Il Festival Internazionale di Musica "Le strade d‘Europa" Lituania-Italia è organizzato sotto la direzione artistica di Nijolė Dorotėja Beniušytė, l'associazione culturale lituana "Musica Vitale", con il patrocinio delle Ambasciate di Repubblica Lituana, Lettonia ed Estonia in Italia, il patrocinio gratuito dei Comuni di Nepi e Gallese e il Conservatorio Statale di  Musica “Alfredo Casella” dell'Aquila. 
 
Partner del Festival sono: Comune di Roma, Zètema Progetto – Cultura, Teatro di Villa Torlonia, Società Aquilana dei Concerti "Barattelli" e "Giovani amici della Musica", Accademia Musicale Romana, Museo e centro culturale "Marco Scacchi" di Gallese, associazione culturale "Leonardo" e "Antiquaviva" di Nepi, l'Ambasciata della Repubblica Ceca in Lituania, il Museo d'Arte Lituano e il Museo d'Arte  "Kasiulis" di Vilnius,. l'Albergo del Festival a Roma – "Villa Lituania".
 
Sponsor principale è il Consiglio della Cultura Lituano, insieme al programma di diffusione culturale “Lituania Globale”.    

Последние аудио

05.04.2015. Vera Talerko Sings 'Vedrai, Carino', Zerlina's Aria From 'Don Giovanni' (Mozart)

Последние события

16jun

Музыка немецких композиторов 16.06.2015

Daugavpils kamerorķestra koncerts

17dec

Cavalleria rusticana / Pagliacci 17.12.2016

“Cavalleria rusticana and Pagliacci are two stories about completely ordinary people who are controlled by their feelings, hypocrisy and double standards,” read more